English Français ???????






Home

730

 


Dal 1993 è stato introdotto, come tipo di dichiarazione dei redditi, oltre al modello Unico, anche il modello 730, che si inserisce nel quadro dell’assistenza fiscale.
L’assistenza fiscale è il sistema che consente al contribuenti di semplificare i propri adempimenti fiscali rivolgendosi ad un CAAF per l’elaborazione del modello 730.
Il 730 è il modello per la dichiarazione dei redditi “preferito” dai contribuenti italiani (dipendenti e pensionati), perché richiede una compilazione semplificata ed è l'unico che garantisce il conguaglio fiscale direttamente nella busta paga o sul rateo della pensione.

 


Quando e come si può utilizzare il modello 730

• può essere utilizzato da lavoratori dipendenti, pensionati, collaboratori coordinati e continuativi o a progetto che abbiano un sostituto d’imposta almeno nei mesi di giugno e luglio dell’anno di presentazione della dichiarazione.

• deve essere presentato ad un CAAF o ad un professionista abilitato, questi hanno l’obbligo del visto di conformità;

• i redditi che si possono dichiarare sono:
› redditi di lavoro dipendente e/o assimilati
› redditi fondiari
› redditi di capitale
› redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA
› alcuni redditi “diversi”
› alcuni redditi a tassazione separata

• può essere presentato in forma congiunta dai coniugi. In questo caso il coniuge dichiarante può non avere un sostituto d’imposta: il conguaglio verrà effettuato dal sostituto del dichiarante;

• può essere presentato per conto di persone incapaci, compresi i minori, se per questi ricorrono le condizioni sopra indicate.

 

Chi non può utilizzare il modello 730:

Non possono utilizzare il modello 730 e devono presentare Modello Unico i contribuenti che:
• nell’anno d’imposta hanno posseduto redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione o redditi di lavoro autonomo;
• devono presentare anche una delle seguenti dichiarazioni: IVA, Irap, sostituti d’imposta Modelli 770 semplificato e ordinario;
• non sono residenti in Italia nell’anno di presentazione della dichiarazione e in quello precedente;
• devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti;
• nell’anno di presentazione della dichiarazione percepiscono redditi di lavoro dipendente erogati esclusivamente da datori di lavoro non obbligati ad effettuare le ritenute d’acconto.

 

IL MODELLO 730 PUO' ESSERE:


IN ASSISTENZA:
- il contribuente si avvale del Caaf o di una società ad esso convenzionata per la compilazione del modello in ogni sua parte. Il servizio è reso a pagamento.


AUTOCOMPILATO
- il contribuente provvede ad esporre tutti i dati personali e reddituali negli appositi quadri. In questo caso il servizio sarà a tariffe agevolate.

IN ENTRAMBI I CASI IL CONTRIBUENTE DEVE ESIBIRE AL CAAF TUTTA LA DOCUMENTAZIONE A CORREDO DELLA DICHIARAZIONE. IL CAAF HA L'OBBLIGO DI APPORERE SU TALE DOCUMENTAZIONE IL VISTO DI CONFORMITA'

 

Il CAAF elabora il mod. 730 e provvede a:

• effettuare i calcoli delle imposte;

• comunicare al sostituto d’imposta il risultato contabile della dichiarazione. Il sostituto provvede poi a trattenere o rimborsare le imposte, nella busta paga o pensione del contribuente, di competenza del mese di luglio (agosto/settembre per i pensionati);

• presentare la dichiarazione in via telematica al Ministero delle Finanze.


Se il contribuente che ha presentato il modello 730 si accorge di errori o dimenticanze che modificano il risultato contabile determinando un maggior credito, un minor debito ovvero la modifica di dati che non cambia il risultato contabile, ha la possibilità di rimediare presentando un modello 730 integrativo.


SCADENZE:

Entro il 20 giugno il contribuente deve presentare al CAAF il modello 730 e il modello relativo alla destinazione dell'otto e del cinque per mille Irpef (730/1)

Dal mese di luglio il contribuente (agosto per i pensionati)
- riceve il congualio delle imposte che scaturiscono dal modello 730 sulla busta paga o rata di pensione
- in caso di rateizzazione dei versamenti è tratenuta la prima rata. Le ulteriori rate, maggiorate di interessi, sarano trattenute dalle retribuzioni/pensioni nei mesi successivi.

Entro il 30 di settembre il contribuente comunica al sostituto d'imposta di non voler effettuare il vesamento del secondo o unico acconto IRPEF o di volerlo versare in misura inferiore rispetto a quello indicato nel Modello 730-3.

Entro il 25 ottobre il contribuente può presentare al CAAF il Modello 730 integrativo.

Nel mese di novembre il contribuente riceve la retribuzione con le trattenute delle somme dovute a titolo di secondo o unico acconto per l'IRPEF. Se la retribuzione è insufficiente per il pagamento delle imposte, la parte residua, maggiorata di interessi, sarà trattenuta dalla retribuzione del mese di dicembre.

Nel mese di dicembre il contribuente riceve la retribuzione con i rimborsi derivanti dal Modello 730 integrativo


CAAF CGIL CALABRIA s.r.l.
Via Massara, 22 Catanzaro
P.IVA n. 01879660791

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente . Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie Apri privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente . Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie Apri privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information